Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina
L'io ospitale
Autore
Argomento Attualità
Collana APE, 7
Editore Edizioni Messaggero Padova
Tipologia
Libro: Brossura plastificata lucida
Dimensioni 11,5 x 16,5
Pagine 108
Pubblicazione 06/2012
Numero edizione 1
ISBN 9788825031065
 

L'io ospitale

Saggio sull’accoglienza, sul rapporto io-tu a partire dalla categoria dell’ospitalità. Chi è l’«io»? E qual è il suo destino? La risposta biblica a questa domanda è paradossale e originale: l’io non è né parte della totalità, né egli stesso totalità bensì relazione. La prospettiva biblica è assai diversa dalla visione occidentale postmoderna di una soggettività che «non deve niente a nessuno». L’io biblico deve «tutto a tutti» e riconosce tutto come gratuità e grazia, prima e indipendentemente dal suo stesso pensare e operare. Così la persona desidera e progetta non per realizzare se stessa e soddisfarsi, bensì per andare incontro all’altro e rispondere all’appello del suo volto facendogli dono gratuitamente di ciò di cui ha bisogno. La categoria più adeguata per dire questo è «ospitalità». Di qui il titolo di questo piccolo saggio.
Autore
Argomento Attualità
Collana APE, 7
Editore Edizioni Messaggero Padova
Tipologia
Libro: Brossura plastificata lucida
Dimensioni 11,5 x 16,5
Pagine 108
Pubblicazione 06/2012
Numero edizione 1
ISBN 9788825031065
 
CARMINE DI SANTE ha studiato teologia all’Istituto teologico di Assisi, si è specializzato in scienze liturgiche al Pontificio Istituto S. Anselmo di Roma e laureato in psicologia all’Università «La Sapienza» di Roma. Ha insegnato all’Istituto teologico di Assisi e ha lavorato come teologo dal 1980 al 2000 al SIDIC (Service international de documentation judéo-chrétienne). Tra i suoi volumi, alcuni tradotti in varie lingue, ricordiamo: Parola e terra. Per una teologia dell’ebraismo (Cittadella 20112); L’uomo alla presenza di Dio. L’umanesimo biblico (Queriniana 2010). Per le Edizioni Messaggero ha già pubblicato Responsabilità (2012).

Quarta di copertina

Saggio sull’accoglienza, sul rapporto io-tu a partire dalla categoria dell’ospitalità. Chi è l’«io»? E qual è il suo destino? La risposta biblica a questa domanda è paradossale e originale: l’io non è né parte della totalità, né egli stesso totalità bensì relazione. La prospettiva biblica è assai diversa dalla visione occidentale postmoderna di una soggettività che «non deve niente a nessuno». L’io biblico deve «tutto a tutti» e riconosce tutto come gratuità e grazia, prima e indipendentemente dal suo stesso pensare e operare. Così la persona desidera e progetta non per realizzare se stessa e soddisfarsi, bensì per andare incontro all’altro e rispondere all’appello del suo volto facendogli dono gratuitamente di ciò di cui ha bisogno. La categoria più adeguata per dire questo è «ospitalità». Di qui il titolo di questo piccolo saggio.

Condividi

L'io ospitale
8,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.